Famiglia

Carta risparmio spesa: come funziona e chi ne ha diritto

Il 5 Aprile 2024 da Cristina - 9 minuti di lettura

Vuoi scoprire se hai diritto a questo bonus?
Rispondi al questionario gratuito
Carta risparmio spesa 2023

Una misura concreta per contrastare la povertà. Questo è l’obiettivo della Carta Risparmio Spesa, un sistema di buoni spesa per i cittadini in difficoltà economiche. Infatti, sono diverse le famiglie svantaggiate e tale condizione si è aggravata con l’aumento del costo delle bollette domestiche. Per questo motivo, nel 2023 il Governo ha previsto lo stanziamento di 500 milioni, alzato poi a 600 milioni di euro nel 2024, destinati alle famiglie con reddito basso per acquistare beni di prima necessità. Il provvedimento è stato rinnovato fino al 2024: Il Mio Bonus ti racconta tutto quello che si conosce finora sulla Carta risparmio spesa: cos’è, come funziona e quali sono i requisiti.

Cos’è la Carta risparmio spesa 2024?

Cos’è la Carta risparmio spesa 2023Le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2024 per sostenere i cittadini in difficoltà sono diverse. Nello specifico, si tratta di misure volte a contrastare l’inflazione che ha colpito tutta la popolazione.

Tra queste, troviamo rinnovata la Carta risparmio spesa (chiamata anche “Carta solidale per gli acquisti” o “Carta dedicata a te“), una card di “bonus spesa” per acquistare beni di prima necessità. La particolarità di questa card è che sarà destinata alle famiglie in difficoltà economiche, in base al valore ISEE.

Non è la prima volta che viene introdotta una misura di sostegno per l’acquisto di prodotti, perché con il Decreto Legge del 25 giugno 2008 è stata introdotta la Carta acquisti, erogata dall’INPS nel 2023 e prorogata anche nel 2024.

Nello specifico, la Carta acquisti spetta, su domanda, agli over 65 e ai genitori di bambini con età inferiore a 3 anni. In questo caso, il requisito per riceverla è avere un ISEE inferiore a 7.640,18 euro.

Per contrastare l’aumento dei prezzi della benzina, il Governo ha introdotto di un Bonus benzina. L’accreditazione di questo contenuto, pari a 77 euro, avverrà all’interno della Carta spesa.

Carta risparmio spesa: a chi spetta?

come utilizzare la carta risparmio spesa L’obiettivo della Carta risparmio spesa è quello di ampliare il più possibile la platea di beneficiari. E per raggiungere questo obiettivo, oltre all’ISEE, si terranno in considerazione anche altri requisiti per richiederla, tra cui:

  • età dei cittadini;
  • altri sussidi e trattamenti pensionistici già ricevuti dallo Stato;
  • situazione economica del nucleo familiare;
  • redditi familiari complessivi.

Infatti, la Carta risparmio spesa spetta alle famiglie:

  • iscritte nell’Anagrafe della Popolazione Residente;
  • con un ISEE inferiore a 15.000 euro.

Tuttavia, sono escluse da questo beneficio economico le famiglie dove almeno un membro percepisce:

Nello specifico, le carte verranno assegnate dai singoli Comuni, previa indicazione dell’INPS. L’Istituto, infatti, essendo in possesso di tutti i dati dei cittadini, stilerà un elenco di beneficiari, tenendo conto della seguente scala di priorità:

  • nuclei familiari composti da non meno di 3 componenti, di cui almeno uno nato entro il 31 dicembre 2009;
  • nuclei familiari composti da non meno di 3 componenti, di cui almeno uno nato entro il 31 dicembre 2005;
  • famiglie composte da non meno di 3 componenti.
Importante
A parità di requisiti, avranno sempre la precedenza le famiglie con ISEE più basso.

Come funziona la Carta risparmio spesa?

Con i fondi stanziati, il Governo potrà distribuire 1.300.000 carte Postepay. Ognuna di queste, infatti, avrà un valore di circa 382 euro.

In particolare, queste carte verranno distribuite tra i vari Comuni italiani, a seconda di una serie di requisiti e seguendo un ordine di priorità. L’obiettivo di queste carte nominali, infatti, è garantire un sussidio alle famiglie maggiormente in difficoltà economiche.

Importo della Carta risparmio spesa

Per la Carta risparmio spesa verranno stanziati 600 milioni di euro, una novità rispetto all’ anno scorso che suppone un investimento di 100 milioni in più. In base ai requisiti stabiliti, si ipotizza che più di 1 milione di famiglie potranno avere diritto a questa misura di sostegno.

Ogni Carta risparmio spesa assegnata avrà al suo interno un importo pari a 382,50 euro. Al momento non sono previste ulteriori ricariche.

Come utilizzarla e per quali spese?

Essendo gestita a livello comunale, ciascun Comune comunicherà le modalità di ritiro presso gli Uffici postali. Infatti, le famiglie selezionate, potranno ricevere la Carta risparmio spesa e utilizzarla per le spese ammesse, nei punti vendita che aderiscono all’iniziativa.

La Card non sarà utilizzabile per acquistare qualsiasi tipologia di prodotto, ma soltanto per i beni alimentari di prima necessità , escluse le bevande alcoliche, presso negozi convenzionati.

Beni di prima necessità acquistabili con la Carta risparmio spesa
  • Carni suine, bovine, avicole, ovine, caprine, cunicole
  • Pescato fresco
  • Latte e derivati
  • Uova
  • Olio di oliva e di semi
  • Prodotti della panetteria, della pasticceria e della biscotteria
  • Paste alimentari
  • Riso, orzo, farro, avena, malto, mais e altro cereale
  • Farine di cereali
  • Ortaggi freschi e lavorati
  • Pomodori pelati e conserve di pomodori
  • Legumi
  • Semi e frutti oleosi
  • Frutta
  • Alimenti per bambini e per la prima infanzia (incluso latte di formula)
  • Lieviti naturali
  • Miele
  • Zuccheri
  • Cacao in polvere
  • Cioccolato
  • Acque minerali
  • Aceto di vino
  • Caffè, tè, camomilla
  • Oltre all’introduzione di questa Social Card, la Manovra del 2023 prevede l’abbassamento dell’IVA per alcuni prodotti. Nello specifico, si è passati dal 20% al 5% di IVA per prodotti per l’infanzia, come pannolini e omogeneizzati, ma anche per gli assorbenti femminili. Nel 2024 l’ IVA per questi prodotti è passata al 10%.

    Carta risparmio spesa: come richiederla?

    Per ricevere la Carta risparmio spesa, gli aventi diritto non devono presentare nessuna domanda online. Saranno i Comuni, sulla base delle carte ricevute dall’INPS, a comunicare alle famiglie l’assegnazione delle carte e le modalità di ritiro.

    Infatti, l’INPS distribuisce ai Comuni italiani le carte in base alla popolazione residente e al reddito pro capite. Oltre a ciò, l’INPS provvede ai Comuni anche i dati degli abitanti, in modo da distribuire al meglio le risorse

    In questo modo, ogni Comune stila una graduatoria ed invia un SMS a tutte le famiglie che hanno diritto a ricevere la Carta solidale. Tuttavia, le modalità di comunicazione sono a scelta di ciascun Comune.

    Pertanto, i cittadini con i requisiti ricevono in automatico una comunicazione da parte del Comune di residenza. Tale comunicazione consente loro di recarsi presso un ufficio delle Poste italiane per ritirare la propria carta.

    La Carta risparmio spesa è nominativa e attiva a partire da luglio 2023. L’ importo sarà erogato a partire dai primi mesi del 2024.

    Indicazioni per i Comuni

    Per quanto concerne i Comuni, l’INPS ha messo a disposizione un’apposita sezione contenente le liste di beneficiari a seconda dei fondi a disposizione. In particolare, tali liste sono presenti nel seguente percorso:

    1. sito web dell’INPS;
    2. sezione “INPS e i Comuni”;
    3. voce “Servizi al cittadino”;
    4. click su “Servizi”;
    5. click su “Carta solidale acquisti”.

    Essendo la Carta risparmio spesa destinata alle famiglie con ISEE sotto una certa soglia, è necessario aver presentato la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) compilata. Questo documento, infatti, è essenziale per il calcolo dell’indicatore ISEE.

    Una volta visualizzata la lista di beneficiari, il Comune ha tempo fino al 18 luglio 2023 per confermarla. Trascorsi altri 10 giorni, l’INPS pubblicherà le liste definitive e le invierà a Poste italiane, in modo da procedere con l’erogazione delle carte spesa.

    In questo modo, infatti, i Comuni potranno comunicare l’assegnazione dei contributi ai vari beneficiari e le modalità di ritiro delle carte presso gli uffici postali. La Carta risparmio spesa viene consegnata già attiva e pronta per essere utilizzata negli esercizi commerciali convenzionati.

    Graduatorie: come capire se si riceverà la Carta risparmio spesa?

    Dal 18 luglio 2023, i Comuni hanno iniziato a pubblicare le graduatorie e inviare le comunicazioni ai beneficiari. Tuttavia, si tratta di un’operazione graduale e variabile a seconda del Comune di residenza.

    È possibile sapere se il proprio territorio ha pubblicato l’elenco di beneficiari accedendo al sito web del proprio Comune, ma non è detto che tutti i Comuni lo facciano.

    Importante
    Per motivi di privacy, non viene pubblicato un elenco con nome e cognome di tutti i beneficiari. Infatti, ciò che potrà essere consultato è una lista con i numeri di protocollo della DSU ISEE 2023.

    Pertanto, per sapere se si riceverà la Carta risparmio spesa “Dedicata a te”, oltre ad attendere un’eventuale comunicazione da parte del Comune (lettera o SMS), occorre munirsi del numero di protocollo della DSU ISEE 2023.

    Per esempio, il Comune di Milano è stato il primo a pubblicare la graduatoria il giorno 18 luglio 2023. In questo link è possibile prenderne visione e verificare se il proprio numero di protocollo è presente in essa.

    In particolare, se si risulta “Beneficiario idoneo e selezionato”, allora si riceverà una comunicazione entro il mese di agosto 2023.

    Aggiornamenti per il 2024

    La misura è stata confermata nella Legge di Bilancio 2024. Al momento, non sono stati divulgati i dettagli sui requisiti per ottenere la carta, ma è certo che la misura è stata rifinanziata con ulteriori 600 milioni di euro. L’importo assegnato tramite le carte Postepay, ritirate presso gli uffici postali dai beneficiari, si attesta a 382,50 euro. La stessa cifra potrebbe essere erogata nel corso del 2024, considerando i finanziamenti previsti per questa iniziativa.

    Tenendo in conto che le carte scadono nel 2028, si ipotizza che le nuove somme che la Legge di Bilancio destinerà alla Carta Spesa 2024 potranno essere accreditate direttamente nelle carte già emesse.

    Reddito alimentare: un’altra misura per contrastare la povertà

    Oltre alla Carta risparmio spesa e alla già citata Carta acquisti, la Legge di Bilancio 2023 ha introdotto un’altra misura che funge da aiuto economico per aiutare le famiglie in difficoltà. Questa misura è stata riconfermata per il 2024.

    Si tratta del Reddito alimentare, un sussidio basato sulla distribuzione di pacchi di merce invenduta (cibo e bevande) dei grandi magazzini.

    Altre informazioni
    Per sapere di più sul Reddito alimentare e rimanere aggiornato sulla sua introduzione ti invitiamo a leggere il nostro articolo dedicato!

    Ancora non si conoscono le modalità di erogazione né il pubblico a cui verrà destinata tale misura. Quello che si conosce, fino ad oggi, è che il Reddito alimentare verrà introdotto in via sperimentale nelle città metropolitane italiane. Inoltre, verrà erogato alle persone in condizioni di povertà assoluta.

    Cosa si intende per povertà assoluta?
    Sono considerate in “povertà assoluta” le persone che non possono permettersi le spese minime, ovvero i beni e i servizi considerati essenziali per avere una vita accettabile.
    Altre domande frequenti

    Esperta di bonus e agevolazioni e con esperienza nel mondo della comunicazione. Cristina fa parte del team Il Mio Bonus da ottobre 2022 ed è a vostra disposizione se avete dubbi, domande o curiosità sul tema.


    Fai una domanda al nostro esperto


    La sua richiesta
    • Mauro dellacorte

      Buongiorno, scusate tanto, perché non sono stato inserito nell’elenco del comune di Mondragone(ce) dei percettori della carta di risparmio… grazie mille

      • Andrea

        Buon pomeriggio sig. Mauro,
        sono i Comuni che, sulla base delle carte ricevute dall’INPS, creano una graduatoria e comunicano alle famiglie l’assegnazione delle carte. Per cui, per avere chiarimenti in merito, deve rivolgersi direttamente al suo Comune.
        Un saluto

    • MARIA MODICA

      Buon giorno io vorrei richiedere la carta spesa dedicate a te

      • Andrea

        Buon pomeriggio,
        per ricevere la Carta risparmio spesa, gli aventi diritto non devono presentare nessuna domanda online. Saranno i Comuni, sulla base delle carte ricevute dall’INPS, a comunicare alle famiglie l’assegnazione delle carte e le modalità di ritiro.
        Un saluto

    • ANZALDI Fabio

      Salve, le scrivo in merito al bonus carta spesa.
      Ho avuto un problema, relativo all’emissione dell’ISEE. Mi spiego meglio: in fase di richiesta del suddetto mi sono ritrovato un’importo superiore ai 15 Mila euro,di conseguenza non rientravo negli aventi diritto alla “carta spesa”. Alla fine del mese di agosto mi sono reso conto che l’importo dell’ ISEE era errato,infatti l’importo era decisamente più basso! Di conseguenza mi sono adoperato per rettificarlo,cosa che ho ottenuto nei primi di settembre,ma aimé,ho realizzato che non rientravo più con i tempi dettati dal MEF.
      In questi giorni è al vaglio dello stato un’altra forma di aiuti economici (bonus benzina) ,ma so che verranno quasi certamente versati sulla carta spesa. La mia domanda: Come posso evitare di essere doppiamente penalizzato,visto che sono sprovvisto della carta,ma avente diritto? A quale ente rivolgermi per ottenerla,anche se in ritardo?
      Nb.
      Ho già chiesto all’INPS e mi ha detto di rivolgermi al comune di residenza,ma in realtà il comune nn centra nulla,perché controlla semplicemente le liste dei beneficiari e non può effettuare nuove richieste.
      Grazie e cordialità.FA

      • Cristina

        Buongiorno,
        Mi dispiace, ma anche io ti avrei detto INPS o Comune di residenza. Ti consiglio comunque di provare a chiedere al tuo Comune, perché sono loro che gestiscono i fondi (ed eventuali fondi ancora da spendere).

        Un saluto

    • Haiduc Maria Nicoleta

      Buongiorno io ho ricevuto l’avviso per la carta ,ero in ferie , purtroppo quando sono stata in posta sono già passati 30 giorni,si può fare qualcosa per tornare a richiederla grazie buona giornata.

      • Cristina

        Buongiorno,
        Penso che ormai non sia possibile fare niente, perché il primo pagamento con la carta doveva essere fatto entro il 15 settembre.

        Un saluto

    • Bocea silvia

      La domanda di carta 380 euro perché io celo ise sei 6 mila ciò 6 figli e 4 adulti

      • Cristina

        Buongiorno,
        Come riporta l’articolo, la Carta risparmio spesa viene consegnata in automatico dai Comuni, senza necessità di fare domanda. Ti consiglio di verificare sul sito web del tuo Comune di residenza se c’è l’elenco di beneficiari e se tu rientri.

        Un saluto

    • Virgilio Antonio

      Con un reddito inferiore di euro 10000con due persone nucleo di famiglia con il quinto stipendio in inpegniato non rientrato nel carta risparmio perché il nucleo famiglia siamo due persone possono anche morire

      • Cristina

        Buongiorno,
        Mi dispiace ma queste sono le regole per la Carta risparmio spesa. Tuttavia, sono certa che ci sono altri bonus per te e la tua famiglia!

        Un saluto

    • Sanja Grbić

      Buongiorno, volevo solo chiedere a che base inps sceglie persone che hanno diritto bonus spesa, io ho isee sotto 15.000 e siamo 4 in famiglia con 2 minorenni (uno nato 2008- e altro 2015)e isee(13.310€)e sulla lista di comune non ci sono.. grazie mille

      • Cristina

        Buongiorno,
        Forse prima della vostra famiglia ce n’erano altre con ISEE più basso a cui dare la priorità. Le risorse sono limitate, quindi non possono rientrare tutti nella lista di beneficiari.

        Un saluto

    • Ennio

      Bonus per persone con isee basso

      • Cristina

        Buongiorno,
        Ti consiglio di fare il nostro simulatore di bonus. Rispondendo a poche domande otterrai un elenco di bonus ai quali potresti avere diritto.

        Un saluto!

    • Anna terrana

      Buongiorno volevo sapere due cose sulla carta spesa :1 devo fare acquisti solo nel mio comune di residenza o posso utilizzarla anche al di fuori? 2 nella lista riporta pescato fresco ma se abito in una zona dove il pescato fresco nn è affidabile nn posso comprare il surgelato a come ho capito. Grazie

      • Cristina

        Buongiorno,
        La Carta risparmio spesa non pone dei limiti per quanto riguarda il suo utilizzo in qualsiasi Comune. E teoricamente il pesce surgelato non è ammesso se non è nell’elenco.

        Un saluto

    • Teresa Bitetti

      Salve, ho ritirato la carta ieri e l’ho usata sia in coop che in mercato, non sono state chieste alcune credenziali e nella spesa sono passati vino e detersivo per i piatti. Vorrei sapere se questo crea qualche problema. In più come si fa a controllare la rimanenza della carta? Grazie

      • Cristina

        Buongiorno,
        È possibile controllare il saldo della Carta Risparmio Spesa recandosi presso un qualsiasi ATM presente fuori gli Uffici Postali.

        Un saluto

    Il nostro algoritmo calcola i bonus e le agevolazioni a cui hai diritto

    Verifica quali bonus puoi richiedere